Tappeti moquette

Sabrina Ceruti 04-01-2022 Ceruti SRL • DITTA SPECIALIZZATA IN PAVIMENTAZIONI https://www.cerutisrl.it/tappeti-moquette/
La moquette trova la sua origine nei tappeti orientali, che a loro volta hanno una tradizione molto antica. Si tratta di una storia talmente lunga che di fatto non è possibile risalire alla data in cui il primo telaio usato dall'uomo. Quello che è sicuro è che veniva usata dagli Egiziani, Cinesi, Greci, Indiani ed Ebrei. Ad oggi i tappeti moquette sono presenti in moltissime case, grazie ad una serie di vantaggi, possibili grazie alla proprietà fonoassorbenti e termo isolanti. Scopriamo insieme nel dettaglio quali sono tali vantaggi, come scegliere la moquette e come fare manutenzione.  

Tappeti moquette: origine

Abbiamo detto che la moquette trova la sua origine nei tappeti orientali. Si tratta di un pavimento in grado di donare calore e morbidezza. La moquette nasce in Paesi caldi e polverosi con una precisa finalità: arredare, rendendo gli spazi da vivere più confortevoli. Tutto questo perché la moquette aveva la capacità di trattenere la polvere, lasciando una quantità minore in sospensione nell'aria che di conseguenza non veniva respirata. Con il passare del tempo, anche i paesi più freddi hanno scoperto e adottato la moquette. Ovviamente in questo caso lo scopo era quello di rendere più caldi gli ambienti. Nel '900, la morbidezza e la bellezza dei pavimenti in moquette diventano due qualità davvero molto apprezzate praticamente ovunque. Nonostante le origini orientali della moquette però, il suo nome è francese (la traduzione è tappeto).

Moquette: cos'è?

Quali vantaggi offre? Ma cos'è in realtà la moquette? I tappeti moquette non sono altro che pavimenti tessili, che al pari di qualsiasi tappeto vengono prodotti con grandi macchinari in grado di tessere i filati su diverse tipologie di supporto. Esistono moltissime varianti di moquette, in numero pari solamente a quanti sono i filati, le tessiture e chiaramente le lavorazioni.

La differenza tra tappeto e moquette è solamente una.

Quando si fa riferimento a un pavimento in moquette infatti, si intende un rivestimento destinato a ricoprire tutta la stanza, da una parete all'altra. Un tappeto invece, viene impiegato per coprire solamente una specifica zona, dunque uno spazio più piccolo. La moquette ha diversi vantaggi da offrire a chi la utilizza. Il primo di questi riguarda il livello di insonorizzazione e fonoassorbenza. Una volta installata, permetterà di limitare notevolmente la diffusione dei rumori. Ma la moquette ha anche una funzione di isolante termico. Grazie a quest'ultimo aspetto, il freddo invernale sarà meno avvertito negli ambienti dove è posata, e questo discorso è maggiormente valido in locali al piano terra, piuttosto che cantine e garage. Oltre a questo, la moquette viene scelta di frequente sulle scale. Questo è dovuto grazie al buon grip che ha da offrire. In altre parole, evita gli scivolamenti sugli scalini. La moquette inoltre, rappresenta l'alleato ideale per tutte quelle persone che amano camminare a piedi nudi. Ma l'isolamento termico della moquette costituisce anche l'occasione per risparmiare sulle spese di riscaldamento, possibile grazie alla minore dispersione di calore.  

Una moquette per ogni ambiente

Esistono moltissime tipologie diverse di moquette: per abitazione, per hotel, per uffici, per scale e per tutti quegli ambienti dove il grado di resistenza deve per forza essere elevato. Per comprendere al meglio se un tipo di moquette è più o meno idoneo all'utilizzo desiderato, è necessario consultare la scheda tecnica. Tra l'altro quello della scheda tecnica è anche il parametro attraverso cui viene misurata la qualità del prodotto. Ovviamente anche la fibra della moquette assume la sua importanza. Ogni tipologia di fibra infatti, ha specifiche caratteristiche, in grado di conferire alla moquette resistenza, lucentezza e qualità estetiche differenti. Per praticità, le fibre con cui vengono prodotte le differenti moquette sono suddivise in tre macrocategorie: naturali, artificiali e sintetiche. Nella prima famiglia, le più apprezzate sono sicuramente quelle in lana e in sisal. Nelle fibre sintetiche invece, ad incontrare il favore maggiore è certamente il nylon, grazie alla sua elevata resistenza.

Ma come fare manutenzione alla moquette?

Abbiamo detto che si tratta di un pavimento tessile. Proprio per questo motivo può (e deve) ovviamente essere lavata. In prima battuta la pulizia deve avvenire attraverso un buon battitappeto oppure con un aspirapolvere di buona potenza. Per il lavaggio vero e proprio invece, è possibile usare acqua pulita e piccole quantità di detergente non schiumogeno. Tra l'altro in commercio possiamo trovare prodotti specifici per la pulizia della moquette. Per quanto riguarda invece la pulizia profonda, è necessario ricorrere a macchine a iniezione estrazione. Questo tipo di pulizia andrebbe effettuata almeno una volta all'anno, e comunque a seconda del grado di utilizzo della moquette. Per un lavoro a regola d'arte è possibile rivolgersi a professionisti specializzati, in grado di prendersi cura adeguatamente del pavimento nel modo migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.