Adesilex G19

Sabrina Ceruti 07-04-2022 Ceruti SRL • DITTA SPECIALIZZATA IN PAVIMENTAZIONI https://www.cerutisrl.it/adesilex-g19/
Per costruire la casa dei propri sogni è opportuno procedere, nella realizzazione degli ambienti, con particolare attenzione a ogni elemento e a qualsiasi tipologia di lavoro. Una delle operazioni da svolgere con la massima professionalità è quella riguardante la messa in posa del pavimento, in quanto un lavoro errato potrebbe portare ad avere delle problematiche difficili da risolvere. Infatti, quando si effettua la posa di nuove piastrelle si va a verificare anche lo stato del massetto. Nei casi di ristrutturazione, invece, è necessario anche rimuovere il pavimento presente. Per tale motivo, è di fondamentale importanza capire nello specifico quale siano gli interventi da fare prima di avviare i lavori.

Cosa si intende per posa del pavimento?

Si parla di posa del pavimento quando si ha l'intenzione di effettuare dei lavori riguardanti il rifacimento della pavimentazione, sia quando si tratta di progetti di ristrutturazione sia quando si procede alla costruzione totale di un nuovo edificio. Per far in modo che il lavoro venga svolto nel migliore dei modi è essenziale affidarsi a un piastrellista o un posatore esperto, che opera in questo settore da diversi anni. L'esperienza di tale lavoratore potrebbe essere fondamentale per scegliere i materiali più indicati per la posa. Infatti, bisogna considerare sia lo stile dell'ambiente sia le dimensioni delle stanze. Inoltre, in commercio esistono diversi formati di piastrelle, in modo tale da poter accontentare le esigenze di ogni persona. In generale si può affermare che si utilizzano principalmente tre tipologie di posa per pavimenti: posa dritta, posa diagonale e posa sfalsata. La prima viene utilizzata quasi esclusivamente per la pavimentazione da installare nel bagno e nella cucina. La seconda, invece, viene consigliata dagli architetti per dare la sensazione che la stanza sia più ampia di quello che è realmente; in questo frangente vengono spesso combinate piastrelle di diversi formati. La posa sfalsata, infine, viene adoperata quando si vuole imprimere al pavimento il cosiddetto effetto legno. In ogni caso, è consigliabile fare delle prove, attraverso i vari programmi di progettazione, per capire realmente se la tipologia di posa prescelta riesce a donare l'effetto desiderato.

Quali sono le tipologie di pavimento?

Negli ultimi anni si sono sviluppati diversi tipi di pavimento, che sono andati a porsi come alternativa rispetto a quelli più classici come il gres porcellanato e il parquet. Nello specifico si sta parlando dei pavimenti resilienti, che a differenza degli altri prodotti presenti sul mercato risultano essere molto più flessibili. Questa tipologia di rivestimento prevede un'installazione molto più facile e pulita, in quanto il tutto avviene senza produrre polvere e rumore. Tale pavimento, però, ha il limite di non essere in grado di distribuire il carico uniformemente, anche se difficilmente questo peso può portare alla rottura. Uno dei vantaggi principali di questo prodotto è che può essere installato in maniera molto più rapida rispetto a quello che avviene con i classici pavimenti. Questa caratteristica risulta essere molto importante quando si ha l'esigenza di realizzare la pavimentazione di una grossa superficie in tempi limitati. Inoltre, l'assenza di giunti permette di velocizzare anche i processi di pulizia e igienizzazione; anche per tale motivo i pavimenti resilienti vengono spesso utilizzati nelle strutture ospedaliere. In aggiunta a ciò, si deve tenere in considerazione che questa tipologia di rivestimento una volta rimossa può essere utilizzata per produrre dei nuovi pavimenti resilienti, andando così a contrastare anche lo spreco dei materiali. Queste pavimentazioni vengono principalmente installate all'interno di grandi ambienti come gli ospedali e le palestre, ma è facile trovare questo prodotto anche in asili nido, in uffici nonché nelle case di riposo per anziani.  

Come avviene la messa in posa dei pavimenti resilienti?

Anche nel caso dei pavimenti resilienti è necessario realizzare un massetto di tutto rispetto per far in modo che il pavimento aderisca in maniera precisa e accurata. Rispetto all'installazione dei pavimenti in gres porcellanato i costi di posa sono minori, in quanto il piastrellista riuscirà a portare a termine il suo compito in tempi molto più brevi. È di fondamentale importanza affidare i lavori a ditte esperte, visto che il materiale adesivo da utilizzare per la posa dei pavimenti resilienti è diverso rispetto a quello che viene normalmente usato per installare altre tipologie di rivestimento. Per avere un lavoro fatto nel migliore dei modi è doveroso utilizzare solo ed esclusivamente prodotti di qualità come l'adesilex g19. Si tratta di un adesivo che è stato appositamente progettato per l'installazione di pavimentazioni resilienti e tessili. Inoltre, l'adesilex g19 può essere facilmente usato per effettuare dei lavori sia all'interno sia all'esterno, in quanto questo prodotto si sposa perfettamente per la posa di gomma in piste d’atletica. Ad ogni modo, prima di iniziare i lavori è buona prassi farsi consigliare da esperti del settore, in maniera tale da realizzare una pavimentazione priva di qualsiasi difetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.